Category

FASHION

Category

La moda vestiti corti 2020 è tutta incentrata sui dettagli, trasparenze sexy in tulle si alternano agli eleganti ricami in pizzo, per dare un tocco più intrigante ai modelli da occasione.

Il mini abito ha uno stile grintoso ma al contempo elegante, la preziosità dei tessuti si accompagna a dettagli gioiello e accessori non convenzionali fatti per osare.

I vestiti da gran sera, mini preziosi come gioielli, sono perfetti con la loro silhouette asciutta che scivola avvolgendo le curve del corpo, ma non mancano anche gli abiti lunghi neri da gran lady di film noir.

Gli abiti corti da occasione, sono strutturati con incroci e tagli asimmetrici che creano scollature, applicazioni gioiello sul corpetto e spacchi studiati ad arte, non mancano rouches, volants grandi fiocchi, plisettature del tessuto per dare movimento al vestito.

Gli abiti di quest’autunno, non si accontentano più della semplice stampa o taglio sbieco, ma mescolano tutto insieme, stili volumi e stampe in un unico modello, vengono definiti vestiti mash-up.

Le tendenze in fatto di vestiti corti inverno 2020, premiano colorazioni vivaci, contrasti intensi, stampe floreali e trionfa soprattutto l’amatissimo nero, estremamente elegante.

Per la nuova stagione autunnale, i riflettori sono puntati sulle gambe che si vestono di stile con le calze più di tendenza.

Uno dei maggiori produttori di calze, Calzedonia, ha voluto festeggiare con una sfilata -evento andata in scena nella sede dell’azienda a Verona, i 60 anni del collant simbolo di emancipazione e femminilità e mostrare in anteprima la collezione autunno inverno 2019/20 del brand.

I collant diventano i migliori amici delle ragazze, oltre a quelli dalle texture antifatica, massaggianti, abbronzanti, sugli scaffali dei negozi compaiono i collant graffiti, lucenti o metalizzati, ricoperti di scritte, il monogram con le lettere “CLZ”,che avvolge le gambe con un effetto grafico, stampati con fantasie, gessati o in pizzo e con piccoli rombi che simulano dei pois.

Ad accompagnare questo look, per esaltare ancora di più la silhouette femminile, un classico paio di scarpe decolette nere in vernice.

Foto tratta da Marie Claire.
Foto tratta da Cafeweb.
Foto tratta da Pinterest.
Foto by Francesco Baronio.
La fantasia optical del Pied de poule, intramontabile simbolo d’eleganza, si conferma come una delle texture più amate dagli stilisti, vedi Balmain, Givenchy, Gianvito Rossi, Dolce & Gabbana e Saint Laurent, presente su vari capi d’abbigliamento per l’Autunno Inverno 2019/ 2020.
Il Pied de poule creato soprattutto in lana cardata o pettinata in versione black and white, interpreta la sua nuova vita funny grazie ad accostamenti cromatici inusuali nelle gradazioni del grigio, del marrone, del rosso e colori pastello.

Il significato di questa espressione tradotta letteralmente dal francese “piede di gallina”, le sue origini risalgono al 1800 in Scozia, dove veniva indossato dai pastori, come capo di stoffa tessuta in lana.
Tutto cambiò, quando da tessuto povero quale era considerato, Christian Dior lo scelse per il packaging del suo profumo iconico Miss Dior, in seguito anche Chanel propose il Pied de poule per i suoi tailleur.

Nel corso degli anni, lo si poteva trovare su gonne e sciarpe ma ad oggi diventa rinomato anche per rivestire oggetti d’arredo, borse cappelli, scarpe, giacche e cappotti.
Il Pied de poule è una fantasia classica si può portare abbinato al nero o al bianco per un look formale, oppure in versione modaiola si abbina con altri colori pastello, con la pelle, o un jeans slim fit dai profili argentati, per renderlo meno classico ed elegante.
Foto tratta da DRepubblica.
Foto tratta da DRepubblica.

Dalle sfilate al nostro armadio, il corsetto non può mancare tra le tendenze moda dell’Inverno 2020, per mettere in evidenza il punto vita sottolineando la silhouette.

Il nuovo accessorio moda, la corset belt viene realizzato in pelle per un tocco punk, in tessuto stretch con lacci o delle aste rigide come fosse un bustino intimo, per esaltare il décolleté.

E’ evidente l’omaggio ai bustini, storicamente utilizzati dalle donne come intimo, poi come punto focale di un abito e ad oggi ancora utilizzati in molti costumi tipici popolari.

La corset belt oggi è un vero must have, capace di dare personalità ad ogni outfit, dal più classico al più originale.

Vediamo come si indossa, si tratta di un accessorio molto versatile, si porta sopra i capi over per sottolineare lo strettissimo punto vita, come pullover, felpe, cappotti, da un tocco di femminilità su camice, blazer e tailleur per l’ufficio e si mette anche sopra i vestiti a completare il look.

Questa tendenza dilaga tra influencer e modelle, sia in stile underwear o outwear, la corset belt la vediamo usata sovrapposta a capi over e slim, dalle modelle Kendall Jenner e Gigi Hadid.

Nel guardaroba dell’inverno 2019, troviamo come protagonisti cinturoni a corsetto, marsupi, pantaloni a vita alta, guepières, tutti accessori che coprono la pancia e mettono in evidenza girovita, diventa necessario quindi seguire alcuni consigli, che vanno dalla nutrizione, alla medicina estetica e alla ginnastica per avere misure a prova di top model.

Una tecnica per ridurre il punto vita sono le sedute di carbossiterapia, micro iniezioni di anidride carbonica, queste aumentano la velocità del micro circolo, l’ossigenazione dei tessuti e la lipolisi ossia la disintegrazione delle cellule adipose ( consigliate 10-15 sedute ).

Il chirurgo estetico Giuseppe Sito, dice che in aggiunta o da sola, si può efettuare anche la mesoterapia a base di sostanze lipolitiche, come la carnitina o la fosfatidilcolina.

Ambedue le tecniche, possono essere associate alla crioliposi, che non è invasiva senza tempi di recupero, il freddo che scende fino a meno 7-9 gradi distribuito attraverso speciali manipoli collegati ad una macchina avvia il processo di lipolisi senza recare danni ai tessuti circostanti e ai vasi sanguigni.
Il corpo in circa uno due mesi, attraverso i naturali meccanismi del metabolismo, elimina le cellule di grasso ( consigliate da 1 a 3 sedute ).

Esiste anche un nuovo macchinario, Emsculpt, capace di scolpire in tempi minimi, gli addominali e il punto vita oltre ai glutei, occorre sdraiarsi sul lettino mentre l’apparecchio emana impulsi elettromagnetici che inducono i muscoli a cotrarsi circa 20 mila volte in 30 minuti, scolpendoli e riducendo le cellule di grasso ( consigliate 2 sedute settimanali per due settimane ).

Anche i trattamenti cosmetici aiutano, ma devono essere utilizzati in modo costante per almeno due-tre mesi.

Secondo il dermatologo Leonardo Celleno, devono contenere principi attivi lipolitici, come l’alga bruna o la caffeina, meglio se abbinati a sostanze drenanti come ananas, pungitopo, betulla.

Utili sempre secondo il Dottore, l’estratto di pepe rosa, che rende i trigliceridi più attaccabili dagli enzimi lipolitici e l’alga sphacelaria, con un’azione anti-stoccaggio, ossia limita la formazione di trigliceridi all’interno dell’adipocita.

Indicati oltre alle creme, anche i patch imbevuti di ingredienti snellenti e rassodanti, adatti per pancia e fianchi consentono un flusso continuo, è preferibile adoperare i patch per le cure mirate d’attacco e dopo le creme per consolidare i risultati.

Non dimentichiamo che anche il movimento è fondamentale, occorre esercitarsi giornalmente mantenendo un buona componente posturale, con allenamenti di yoga, pilates, di aerobica e tonificazione della zona addominale, adatti anche il nuoto, la danza del ventre e gli allenamenti con l’hula hoop.

Foto tratta da Vogue.
Foto tratta da Io Donna.
Foto tratta da Max Mara.

Nella moda di quest’autunno, una certezza è che le gonne sono un must have irrinunciabile, sono il capo super smart per dare carattere al nostro look e comodo durante i cambi di stagione.

Per sapere quali saranno le tendenze e i modelli più cult da avere per l’Autunno Inverno 2019-2020, basta guardare lo street style della Parigi Fashion Week e i look indossati dalle it girl parigine.

Tra le più quotate viste durante lo street style sono al primo posto le gonne di pelle, soprattutto mini, feticcio fashion per esibire le gambe ancora abbronzate ed entrare con grinta e femminilità nella moda di stagione autunnale.

Nella classifica si trovano anche le gonne plissettate, il modello evergreen, che si conferma uniforme workwear chic e capo bon ton da giorno a sera, a queste un’alternativa sono le gonne longuette ampie o rigorose e dritte, una soluzione fashionista alle solite gonne lunghe dallo stile boho.

L’outfit con la gonna di pelle è l’ultima tendenza moda dell’Autunno Inverno 2019 da copiare subito, non troppo lucida, ma morbida tanto da avvolgere il corpo in una linea sensuale, asciutta, vince la teoria per la quale l’essenziale privo di fronzoli provoca l’abbigliamento supremo.

Ecco che la leather skin diventa un classico del guardaroba contemporaneo, un capo iper-chic se abbinata a regola d’arte, nella variante corta si può portare con una camicetta bianca semitrasparente e un paio di stivaletti.

Foto tratta da Pinterest.
Foto Zara.
Foto tratta da Elle.
Foto By Francesco Baronio.

I leggings ancora per questo Autunno Inverno, sono il must have più intrigante e versatile del nostro guardaroba, stampati, colorati, tecnici o modellanti tornano ad essere un modello cult per divertirsi a creare outfit di stile anche fuori dalla palestra.

Aderentissimi e confortevoli come una seconda pelle dai colori e tessuti più svariati, sono tra i capi più amati per questa stagione.

Già conosciuti negli anni ’80, erano un trend in versione fluo, appariscenti, il loro utilizzo era principalmente nel mondo dell’aerobica, poi sono diventati iconici con la star Madonna, che li usava in pizzo abbinati a mini abiti di tulle, interpretati in uno stile rock.

Negli anni ’90, i leggings comparivano lucidi, glitterati, animalier, per poi tornare negli anni Duemila nella versione più classica del nero, con un look che abbina minidress o maglie larghe, bikers, ankle boots.

Negli ultimi anni, invece si propongono con un mood sportivo anche se in versione più elegante e ricercata.

Si notano tra le tendenze moda di questa stagione i leggings in pelle, lucidi eleganti dallo spirito rock, un must have assoluto, adatti per spezzare i look troppo formali attribuendo carattere alle mise più casual, si indossano con t-shirt oversize e sneaker o per chi ama osare con camicia bianca, top in lurex, bralette in pizzo e tacchi a spillo.

Vengono proposti in genere nelle nuance più scure del nero, blu notte, grigio, ma sul mercato si avvistano anche in versioni più sgargianti come il silver che sarà trend.

Sicuramente per la prossima stagione la scelta più audace saranno gli amatissimi leggings in vinile, la simil pelle lucida, dal classico nero per gli amanti di abbinamenti base, fino a varianti più vivaci come il rosso, il blu scuro, il mou e il grigio.

Anche quest’anno non mancano i leggings animalier, con stampe che riprendono le pelli degli animali della savana, da portare in abbinamento alla t-shirt della vostra band preferita e bikers.

Per chi ama le fantasie, può scegliere i leggings dalla stampa astratta black and white molto elegante, oppure optare per il modello geometrico, molto suggestivo, grazie alle tonalità fluo e il pattern optical.

Per chi è molto attento alla linea della silhouette, perfetto è il leggings push up, con una funzione modellante, che valorizza e sottolinea le forme del corpo, fasciandolo e sollevandolo con un effetto naturale.

Grazie alla nuova tecnologia modellante, al tessuto realizzato con un alta percentuale di Lycra, che garantisce un extra comfort, alle cuciture strategiche per una vestibilità ben definita, il classico leggings nero per l’autunno inverno 2019/2020, cambia le regole del gioco e si propone come il migliore amico della silhouette femminile.

Foto by Francesco Baronio.
Foto tratta da Wonderlandmagazine.
Foto Stylist Versace Jeans Couture.
Foto tratta da RobadaDonne.

La tendenza monochrome, ossia indossare un unico colore da capo a piedi, anche in nuance accese, è tra le più viste per l’Autunno Inverno 2019.

Il tailleur gonna e pantalone, sarà in prima linea, insieme alle giacche di pelle, al blazer di carattere con stampa animalier, fino al classico total look bianco e nero che diventa trasandato.

Fece la sua prima apparizione negli Anni 40, la gonna tubino, con lo stilista Christian Dior, che realizzò una gonna capace di valorizzare la silhoutte femminile con discrezione, dopo essere stata protagonista delle tendenze moda Primavera Estate 2019 nei tailleur eleganti, torna al centro dei look per l’Autunno Inverno 2019- 2020.

La gonna a matita, tra spacchi, lunghezze asimmetriche, ma sempre altezza ginocchio, aderente e spesso a vita alta è chic, ma si addice bene anche per outfit casual, sportivi.

Le gonne mini sono interpretate in modi diversi.

Si distinguono, in tema di minigonne, Emporio Armani con gonnelline ampie arricciate in vita, Versace con la gonna a portafoglio in tartan e Anteprima che nella sua collezione include modelli a vita alta che arrivano a metà coscia.

Questo capo viene abbinato, non solo con giacche doppiopetto o giacchini con alamari, ma anche a maxi pullover colorati in stile grunge, al dolcevita nero per un effetto relaxed chic, camice o balconette in pelle per un look rock, con paillettes e dettagli brillanti per la sera.

Per le scarpe via libera a sandali minimal con tacco, ma anche ad ankle boots in pelle o décolletées a punta e alle sneakers in tela per outfit metropolitani.

La gonna tubino, si rivela per la prossima stagione un capo giovane e contemporaneo, facile da indossare non solo per il look da ufficio, insomma un must have per il nostro guardaroba.

Foto tratta da Elle.
Foto tratta da Pinterest.
Foto tratta da Donne sul Web.
Foto tratta da Elle.
Foto by Francesco Baronio.

Il calendario della Moda, si é ufficialmente aperto con la NYFW, poi è stato il turno di Londra adesso è il momento della Milano Fashion Week e poi si sposterà tutto a Parigi.

La settimana della Moda Primavera Estate 2020, comincia martedì 17 per terminare il 20 Settembre, con un’agenda di almeno 170 eventi, si preannuncia molto ricca, dalle sfilate dei grandi nomi del Made in Italy, alle mostre ed eventi speciali organizzati presso gli store, con la presenza di molti stilisti emergenti e marchi nuovi.

Quest’anno la kermesse milanese è caratterizzata dall’aspetto green, sempre più aperta al pubblico, punta verso una mobilità eco-friendly con utilizzo intelligente e anti spreco delle location.
Il punto di riferimento della kermesse Milanese, sarà il Fashion Hub presso lo Spazio Cavallerizze, una location plastic free, realizzata con arredi riciclati e illuminazioni a basso consumo, dove saranno presenti i talenti emergenti Caterina Gatta, Apnoea, Carmelina Raco, Delirious Eyewear, Vanta Design Studio e Woobag.

Da non mancare al Green Carpet Fashion Awards Italia 2019, con molte sorprese e occasioni speciali, tra cui il lancio del pop-up store di Vestiaire Collective alla boutique Tearose, in piazzetta Croce Rossa, per publicizzare la circolarità nella moda di articoli già prodotti, contro il consumo compulsivo.

Durante la Fashion Week Milanese, sfilate e street style si intrecciano in una combinazione perfetta, la moda parte dalle passerelle per poi essere esibita in modo più immediato sulle strade.
Fuori dai più importanti show,in attesa tra una sfilata e l’altra, si fanno notare sui marciapiedi dai fotografi, innumerevoli fashion soldiers, che indossano look coloratissimi, griffatissimi, infine gli outfit più cool vengono condivisi sui social network e le varie piattaforme digitali.

Nel pomeriggio continuano le sfilate con gli stilisti Marco Rambaldi, Arthur Arbesser, Prada, Annakiki, Alberta Ferretti e Jil Sander.

Foto tratta da Io Donna.
Foto tratta da Io Donna.
Foto tratta da Io Donna.
Foto tratta da Io Donna.
Foto tratta da Io Donna.
Foto tratta da D-La-Repubblica.


Check , quadri, scacchi è un vero evergreen.

A giudicare dalla precoce comparsa di look scozzesi visti sulle fashion addict alle ultime sfilate, si direbbe che tocca al tartan fare da apripista ai trend di stagione, desiderabile e moderno.

Irresistibile look rebel punk, da mettere a soqquadro con anfibi rock, accessori bon ton o unfinished.

Boots Reloaded dal simbolo della cultura underground oggi diventano glam e romantici.

Gli anfibi sono gli stivaletti Icona che hanno caratterizzato lo stile di giovani ribelli per decenni.

I primi in assoluto, marchiati Dr.Martens, sono stati il segno distintivo punk e grunge.

Foto tratta da Grazia.
Foto tratta da Grazia.
Foto tratta da Elle.

L’eleganza ha nuove regole l’abito è monospalla.

Sulle passerelle della Primavera Estate 2019, si evidenzia il ritorno dell’abito monospalla, modello tanto amato negli Anni 70, degno erede del peplo, l’abito tipico delle donne dell’antica Grecia, è l’it dress dell’estate, da portare giorno e sera, semplice di cotone o in versione più chic, con drappeggi, ruches, paillettes e decori, una combinazione di tagli, linee e proporzioni, che valorizzano lo scollo asimmetrico più sensuale esaltando la femminilità, donando al portamento nobiltà, fierezza.

Per una moda fresca da indossare tutti i giorni, femminile raffinata e al tempo stesso moderna, l’abito monospalla è l’ideale, può essere scelto tra le tinte pastello o i colori vitaminici, ma anche tra disegni floreali o i modelli geometrici, righe e zebrature animalier.

L’one shoulder dress, oggi è una sorta di elogio all’erotismo, mai esagerato o volgare, un capo basico del guardaroba, bisogna prestare una particolare attenzione alla scelta del modello e degli accessori da abbinare.

Se si ha un fisico asciutto e con poche forme, è perfetto l’abito monospalla aderente, chi ha invece una vita sottile e fianchi importanti, più adatta è una gonna ampia morbida per armonizzare la silhouette con le spalle minute, per chi ha un seno abbondante è sconsigliato indossare spalline con ruches, decori vistosi che appesantiscono ulteriormente il décolleté, per avere un look sexy, indossate un top mono con un paio di pantaloni maschili o gonna mini a vita alta, e mai portare il reggiseno con le spalline, perchè sarebbe uno scivolone di stile.

Per quanto riguarda gli accessori, sì ai braccialetti e mono orecchini, no a collane che appesantiscono il look, ai piedi sono indicati gli stivaletti per un fascino grintoso e rock, oppure zeppe e sandali a spillo.

Questo gioco di spalle scoperte, ha conquistato diversi designer e donne di stile, lo troviamo dunque in varie versioni, romantica con fiori come quelli di Chiara Boni e Vivetta, Blumarine ha uno stile sognante ma in abbinamento a pantaloncini da ciclista Anni 90, impalpabili nei toni poudre come quelli Dior, il modello trendy sportivo stretch decorato da corde di Ports 1961, stampe con disegni stilizzati come quelli proposti da Moschino e i vestiti monospalla dai colori accesi con stampa logo di Louis Vuitton.

Foto tratta da Elle.
Foto tratta da Elle.

Le collezioni moda degli stilisti per la P./E. 2019 confermano questo ritorno fashion, già in voga lo scorso anno tra alcune Celeb, dei “cycle pants”.
Ma la novità di questo capo, è che si indossano non solo con look sporty e casual, ma anche con mise più eleganti.
Tra i look visti sulle passerelle, ne spiccano alcuni, come i ciclisti di Fendi, proposti con cuciture effetto rinforzato con giacche trasparenti in pvc, quelli di Prada caratterizzati da un motivo tappezzeria con top in seta e cerchietti per capelli bombati.
Inoltre si notano i ciclisti dai colori fluorescenti di Blumarine e quelli elegantissimi decorati con perline e fili d’orati di Roberto Cavalli.
Non è difficile indossare questo capo moda, ad esempio un super classico come il blazer a un bottone risulta super cool se abbinato ai ciclisti neri.
Per avere un look più aggressivo, basta abbinare un giubbotto da moto, con un crop top che lascia in vista gli addominali o una mega t-shirt.
Lo stile urban con i leggings ciclista si può ottenere facilmente anche abbinando una giacca jeans larga, che contrasta il fitting ultra slim di gambe e fianchi, oppure felpe oversize e maglie lunghe.

Foto tratta da Cosmopolitan.
Foto tratta da Cosmopolitan.
Foto tratta da Cosmopolitan.
Foto tratta da Cosmopolitan.
Foto tratta da Pinterest.
Foto tratta da Cosmopolitan.
Pin It